17.5 C
San Benedetto del Tronto

HomeCOMMERCIOPescaIl porto del futuro nel documento strategico dell’Autorità di Sistema

Il porto del futuro nel documento strategico dell’Autorità di Sistema

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale (AdSP) di Ancona ha licenziato il Documento di Programmazione Strategica che delinea le attività che l’Ente, che come noto ha competenza su tutti i porti di rilevanza nazionale compresi tra Pesaro e Vasto, intende portare avanti nei prossimi anni.

Per quanto riguarda il porto di San Benedetto del Tronto, il documento, attualmente al vaglio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dopo la presentazione alla Conferenza nazionale di coordinamento delle Autorità di sistema portuale, ha, tra le altre cose, recepito le osservazioni che l’Amministrazione comunale aveva presentato in sede di conferenza dei servizi.

Anche grazie a questo costruttivo confronto con il Comune, dunque, l’Autorità ha indicato sette obiettivi che intende perseguire per lo sviluppo dello scalo sambenedettese nei prossimi anni:

– il miglioramento dell’accessibilità marittima e della sicurezza della navigazione (che si concretizza nella previsione di prolungamento del molo di sopraflutto e di un nuovo molo di sottoflutto e di fondali dell’imboccatura del porto superiori a quelli attuali);

– l’approfondimento/ripristino dei fondali e gestione dei sedimenti dragati (a questo proposito si ricorda che AdSP ha stanziato 22 milioni per una nuova vasca di colmata, l’intervento di dragaggio tuttora in corso, le analisi e le prestazioni necessarie alla realizzazione di un sito di conferimento a largo di materiali di dragaggio tra San Benedetto e Porto San Giorgio);

– il potenziamento e la riorganizzazione dell’infrastruttura portuale (con la realizzazione delle nuove opere di difesa che configurano la nuova darsena Nord, il che consentirà di potenziare le infrastrutture dedicate allo sviluppo delle attività della pesca sostenibile, della cantieristica navale e della nautica diportistica);

– il sostegno alla cantieristica navale e nautica (con la previsione di destinare a queste attività fronti di ormeggio e aree a terra nell’ambito della darsena Nord, parte della banchina di riva e dello specchio d’acqua antistante la Capitaneria di Porto da mettere in sicurezza nei confronti del moto ondoso residuo);

– la valorizzazione/sviluppo delle attività di nautica diportistica (destinando parte dei fronti di banchina della nuova darsena all’ormeggio di grandi imbarcazioni e navi da diporto e ai relativi servizi a terra e recuperando a tale destinazione fronti di banchina oggi non pienamente fruibili a causa della non sufficiente protezione dal moto ondoso residuo che penetra in porto), oltre all’ampliamento delle “aree retroportuali” rispetto a quelle “portuali” con la possibilità di insediare attività e servizi innovativi con destinazioni d’uso tipiche dei waterfront urbani quali attività di servizi a carattere culturale, sociale, commerciale, turistico e sportivo tenendo comunque conto e tutelando la forte interrelazione, anche in termini storico-culturali, con il limitrofo contesto urbano al fine di favorire e valorizzare, soprattutto dal punto di vista socio-economico, le possibili correlazioni porto-città;

– il mantenimento della vocazione peschereccia e lo sviluppo della pesca sostenibile. A questo proposito, il Documento prevede l’istituzione di un Centro Pilota e Polo permanente nel campo della biologia marina e della pesca sostenibile dedicato alla formazione professionale per pescatori e operatori istituzionali, alla realizzazione e sperimentazione di nuovi modelli di pesca con pescherecci e attrezzature di nuova generazione, all’individuazione e applicazione di nuove e più efficaci norme di regolamentazione, allo sviluppo di filiere.

– la sostenibilità ambientale, trasversale a tutti i precedenti obiettivi.

“Per il nostro Comune questi punti rappresentano elementi di enorme valore – dice in proposito l’assessore con delega al piano del porto Bruno Gabrielli – se si pensa che saranno le linee guida che ispireranno l’Autorità nella redazione del nuovo piano regolatore del porto di San Benedetto. Desidero ringraziare l’Autorità e il suo presidente Vincenzo Garofalo per l’attenzione che ci ha sempre dedicato e che qui si è tradotta nel riconoscimento delle nostre istanze. Queste sono le premesse migliori per programmare il porto del futuro, progettare l’insediamento e lo sviluppo di attività in linea con il mondo che cambia, perfettamente integrato nel tessuto urbano”.

“Tra le linee di sviluppo che l’Autorità indica – aggiunge il sindaco Antonio Spazzafumo – mi preme sottolineare la previsione del Centro di ricerche per lo sviluppo di nuovi modelli di pesca sostenibile, un obiettivo a cui puntiamo sin dal nostro insediamento e che darebbe una svolta epocale al nostro porto e alla città tutta. Questo è un primo passo, ma fondamentale per programmare i passaggi successivi”.

- Comunicazione Istituzionale -spot_img
Ufficio Stampa
Ufficio Stampahttps://bum.comunesbt.it
Ufficio Stampa del Comune di San Benedetto del Tronto

- Comunicazione Istituzionale -

spot_img

Lettura consigliata

Articoli Correlati

- Comunicazione Istituzionale -spot_img